(+39)0418878114    info@macacotour.com
COSA FARE A VENEZIA COI BAMBINI: TRA CAMPI E GIARDINI ! - Macacotour
24584
post-template-default,single,single-post,postid-24584,single-format-standard,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.0.2,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0,vc_responsive

COSA FARE A VENEZIA COI BAMBINI: TRA CAMPI E GIARDINI !

Chiunque si trovi a fare un tour, breve o lungo, per Venezia, non può non notare la particolarità dei nomi di strade e piazze: non vie ma calli, non piazze ma campi.

Soffermiamoci un attimo su questi ultimi, partendo dall’etimologia della parola stessa…perché è proprio come immaginate: laddove oggi vediamo pavimentazione in pietra, una volta fiorivano piante e venivano coltivati orti!

Cos’è rimasto di quei polmoni verdi, in laguna? …Molto più di quanto immaginate!

Una famiglia a spasso per Venezia lamenta spesso la mancanza di parchi o giardini dove fermarsi a riposare, a giocare con i propri bambini, a mangiare un panino o stendersi in una giornata afosa.

Nonostante questo, i parchi pubblici non mancano. Certo, come ogni cosa a Venezia, tendono a nascondersi ai nostri occhi…anche i giardini non si rivelano al primo sguardo: vanno cercati, seguiti, ed infine scovati! Ma la sorpresa della magia che li distingue vi ripagherà della strada fatta e dello sforzo speso durante la ricerca!

Tra gli spazi verdi pubblici, segnaliamo qui uno dei più estesi: il Parco delle Rimembranze a Sant’Elena.

Per la sua posizione piuttosto defilata dai flussi turistici, rimane ad oggi luogo tranquillo adatto a passare qualche ora con tutta la famiglia, lasciando i bambini liberi di correre e giocare all’ombra della pineta!

Oltre ai tradizionali giochi all’aria aperta, noi vi vogliamo consigliare un’attività tanto semplice quanto eterna: la creazione di un erbario… un po’ alternativo, artistico e contemporaneo!

Molti sono gli artisti che si sono ispirati al microcosmo naturale per la creazione di un personalissimo alfabeto astratto…

Ecco come fare:

  • Munitevi di lente d’ingrandimento!
  • Cercate il maggior numero possibile di piante e fiori (accertatevi di poterli raccogliere!)
  • Ad ognuno di essi dedicate una pagina. Studiateli a fondo con i vostri bambini ed osservatene le piccole venature e sfumature. Ogni fiore, ogni pianta, ogni pezzettino di corteccia ha un diverso pattern, linee e segni che si intersecano a formare precisissime trame. Raccoglieteli ed ordinateli con cura.
  • Una volta a casa, passate alla seconda fase: con un po’ di colore a tempera, ogni fogliolina può diventare un timbro unico!
  • Sbizzarritevi nella creazione delle composizioni astratte più disparate. Unica regola: vietato l’uso del pennello!

Gaia Franzoso



We use cookies to enhance your experience on our website. By continuing to use our website, you are agreeing to our use of cookies. more info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi