(+39)0418878114    info@macacotour.com
VIAGGIO A VENEZIA CON BAMBINI: UN ESERCIZIO PRATICO PER TUTTA LA FAMIGLIA - Macacotour
24498
post-template-default,single,single-post,postid-24498,single-format-standard,woocommerce-no-js,ajax_fade,page_not_loaded,,select-theme-ver-3.0.2,vertical_menu_enabled, vertical_menu_transparency vertical_menu_transparency_on,wpb-js-composer js-comp-ver-5.0,vc_responsive

VIAGGIO A VENEZIA CON BAMBINI: UN ESERCIZIO PRATICO PER TUTTA LA FAMIGLIA

Ogni viaggio che si rispetti ci regala qualcosa che prima non avevamo; ogni autentica esperienza a contatto con una città o un paese nuovo ci offre inaspettate prospettive, punti di vista che fino ad allora non avevamo considerato.
…ed è sempre questione di cambiamento di punti di vista: crediamo che Venezia possa essere per le vostre famiglie ed i vostri bambini un’ottima palestra per esercitarsi ad allenare l’osservazione!

Una famiglia che arrivi a Venezia per la prima volta potrebbe sentirsi sopraffatta, quasi bombardata dagli infiniti input che la città concede: l’occhio si muove alla ricerca disperata di un punto su cui fermarsi, ubriacato da tanta bellezza, da tanti dettagli unici, da tante persone che scorrono avanti e indietro.

Proprio come i muscoli in palestra, anche il nostro sguardo va allenato ad osservare davvero. Ma anche a fermarsi, a riposarsi…e quale città, se non Venezia, si presta perfettamente ad applicare la filosofia della “lentezza”? Invitate i vostri figli a concentrarsi sull’andamento dell’acqua, ad ascoltarne il suono, e perché no – provate tutti assieme a prenderne il dolce ritmo!

E allora ecco il primo “esercizio” pratico che consigliamo a tutti: mamme, papà, nonni, bambini e ragazzi!

  • Date un tema alla vostra passeggiata veneziana. Noi oggi ve ne consigliamo uno: LA FINESTRA!

 

  • Assaporate ogni passo mentre, naso per aria, indagate le facciate di case e palazzi. Scoprirete un’infinità di piccoli tesori semi nascosti… Fate una gara di vista… Chi riuscirà a trovare più tesori in 3 min.? Scrivere ciò che trovate su un quadernetto potrà aiutarvi.

 

  • Le finestre di Venezia sono delle piccole opere d’arte: bifore, trifore, quadrifore, serliane… tanti occhi che si affacciano sul brulicare di callette e canali. Riuscite a riconoscere le differenze?

 

  • Tenete coi vostri bambini un piccolo diario, dove annoterete: forma, colore, decorazione, “segni particolari” delle finestre che più vi sono piaciute dell’ esercizio 1 o 2.

 

  • Fate degli schizzi! Finestre aperte e chiuse, larghe e strette, sgangherate o ricchissime, ornate da tendaggi o spoglie… usatele per creare delle composizioni originali da ricomporre a casa come un puzzle, magari utilizzando materiali diversi.

 

  • Estraetene le forme principali e rielaboratele! Ovali, rettangoli, cerchietti e rombi possono diventare gli elementi stilizzati di mille volti che curiosano e vegliano sulla città…

 

…Ora tocca a voi !

Gaia Franzoso



We use cookies to enhance your experience on our website. By continuing to use our website, you are agreeing to our use of cookies. more info

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi